IL “GRAND TOUR” PER IMPARARE A VIVERE

La Terra Santa. Il “Grand Tour” per imparare a vivere è il titolo del convegno che, promosso dagli Amici di Saxum di Palermo, ha avuto luogo lo scorso 22 novembre a Palermo, nella prestigiosa sede dell’aula magna del liceo classico Umberto I.

Di fronte ad un pubblico numeroso  la giornalista Alessandra Turrisi  ha posto alcune domande ai tre relatori, profondi conoscitori della Terra Santa ove sono stati, negli anni, svariate volte.

Fra Mirko Montaguti, biblista e guida di Terra Santa  – che ha più volte accompagnato i pellegrinaggi organizzati dall’Associazione Amici di Saxum –  Ennio Cardona, docente universitario, e Vincenzo Orlando, medico, hanno diversamente risposto ai quesiti posti dalla moderatrice.

Qual è il significato del viaggio? E’ un Grand Tour o un pellegrinaggio? Quale il luogo che più vi è rimasto nel cuore?  Queste le domande con cui si sono dovuti confrontare i relatori.

Nelle risposte è emersa una  diversità del modo di sentire  e di vivere questa particolarissima esperienza che  si sposa perfettamente con la consapevolezza che un   viaggio  in Terra Santa diventa sempre  percorso personalissimo  e, come sottolineato dalla frase simbolo del convegno “Io ci sono stato, conosco la strada, sono tornato per accompagnarvi… ma di quel che succederà nel personalissimo dialogo tra voi e loro io non so nulla” (tratta da un testo di Franco Nembrini nella introduzione al suo Inferno di Dante), le risposte  non possono che essere, ancorché non contrastanti, sicuramente  diversissime.

Tra le molte idee espresse il pubblico è rimasto  particolarmente colpito  dalla presentazione del   pellegrinaggio come percorso interiore e dal fatto che la visita di questa terra spinga tutti comunque a porsi domande, a crescere nel desiderio di capire, pur di fronte a tante contraddizioni evidenti quali i muri di divisione e la coesistenza di riti diversi e talora contrastanti. Il deserto, il lago di Tiberiade e le pietre del monte Calvario sono i luoghi dove ha posto piede Gesù il Cristo, dove Dio si è fatto conoscere  in una dimensione  storico geografica. Queste sono, secondo il parere degli oratori, le vere basiliche della nostra fede. Le numerose  domande , infine, da parte del pubblico confermano la riuscita della serata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *